Che vuol dire?

Il nome nasce da una scena di un film del 1979 dei Monty Pyton, “Brian di Nazareth”. La scena in cui una folla alla disperata ricerca di un profeta da seguire comincia a correre dietro al protagonista indicandolo come maestro.

Mentre lui fugge via, con una sola scarpa. Che più che una scarpa sembra una ciabatta.

Inutile dire che il protagonista era tutto fuorché un profeta. Inutile dire che neanche avrebbe voluto esserlo.

Il nome è provocazione in tempi di falsi profeti e vere pecore.

Il nome invita ad usare la propria testa.